Sebbene i chatbot siano in circolazione da molti anni ormai, sono sempre stati ai margini della tecnologia, un esperimento divertente con il quale poter giocare, ma niente di più.

Tuttavia, nel corso degli ultimi anni, i chatbot sono diventati sempre più intelligenti. Si sono trasformati da esperimenti ad assistenti virtuali in grado di gestire domande e risposte, e oggi formano parte integrante di un numero sempre più crescente di modelli di business.

Oggi, prenderemo in esame i chatbot innovativi che stanno cambiando il modo in cui il mondo vede questi assistenti digitali.

 

Disney

Quanto possono essere veramente credibili e interattivi i chatbot? Il chatbot di Disney ha fatto credere a milioni di bambini in tutto il mondo che stessero davvero chattando con la poliziotta Judy Hopps dal film Zootopia.

Ai bambini era stato chiesto di indagare su alcuni misteri insieme alla poliziotta Hopps, e lo avevano fatto facendole delle domande per ottenere più indizi e scoprire così il mistero. Questo utilizzo innovativo dell’intelligenza artificiale (IA) nei chatbot per l’intrattenimento e il marketing lo rivedremo sicuramente nel futuro.

 

Domino’s

Proprio quando credevate che ordinare una pizza non poteva essere più comodo, adesso lo è. Domino’s ha installato dei chatbot in alcuni mercati selezionati e se vivete in quelle zone, ora potrete ordinare una pizza a domicilio parlando con qualcuno al telefono, ordinandola dal loro sito web, o chattando con il loro chatbot, che vi spiegherà per filo e per segno la procedura, proprio come una persona reale, solo che non avrete bisogno di restare in linea mentre gli operatori sono occupati con altre chiamate.

Abbiamo incluso Domino’s in questa lista perché non stanno semplicemente migliorando il modo in cui si compra la pizza, ma stanno aprendo le porte e creando opportunità per altre imprese all’interno dell’industria F&B, e stanno dimostrando come la tecnologia possa migliorare il servizio clienti e i profitti.

 

Duolingo

Chiedete a chiunque stia studiando una lingua straniera quale sia il loro più grande ostacolo nell’ambito delle competenze linguistiche, e vi diranno che è la mancanza di opportunità di fare pratica. In fin dei conti, chiunque li circondi è probabile che stia parlando nella propria lingua madre e non in giapponese, russo, o qualcosa che suoni vagamente straniero.

Duolingo, un’app finalizzata all’apprendimento delle lingue, risolve questo problema grazie al proprio chatbot che consente di conversare con gli utenti nella lingua scelta da loro. In questo modo, gli utenti possono fare pratica (e affinare) sia le loro capacità di conversazione che di scrittura, senza la paura che di solito si ha di “fare brutta figura” quando si parla con un essere umano. Quest’app potrebbe essere un’anteprima del futuro dei servizi di apprendimento delle lingue ovunque.

 

L’Event Bot di Angage

Gli organizzatori di eventi capiscono che una delle difficoltà principali nell’organizzazione di un grande evento non è l’evento stesso, bensì il servizio di assistenza clienti richiesto. Dopotutto, questi professionisti sanno bene come selezionare e prenotare delle fantastiche location per qualsiasi numero di ospiti, redigere dei programmi coinvolgenti, gestire delle complicate richieste logistiche e condurre dei grandi show in maniera praticamente perfetta.

Ma gestire le richieste di centinaia, o addirittura migliaia di partecipanti ad un evento (o potenziali clienti che non hanno nemmeno deciso se vogliono partecipare o meno), può rivelarsi una procedura alquanto angosciante che sottrarrà tempo, energie e denaro ai budget già limitati.

L’Event Bot di Angage può essere allegato al sito web di un evento e può essere programmato per interagire con i potenziali clienti e partecipanti, rispondendo alle domande, presentando proposte, fornendo informazioni relative all’evento e persuadendo i potenziali clienti ad iscriversi. Il chatbot può inoltre aiutare gli ospiti che si sono registrati con il loro itinerario, fornendogli dei suggerimenti su come arrivare alla location dell’evento, dei consigli sui locali dove poter mangiare e quali parcheggi scegliere, così come molto altro ancora.

Ma, soprattutto, un solo chatbot per eventi può chattare con molte persone contemporaneamente. Quindi, invece di assumere (e formare) 100 operatori dell’assistenza clienti, il chatbot per eventi di Angage potrà chattare con 100 persone (e più) simultaneamente, rivolgendo soltanto delle domande davvero uniche o di un certo livello agli esseri umani per proseguire la conversazione.