Siamo nel 2017 da poco più di un mese ormai, e a questo punto dovreste sapere esattamente quanto bene avete fatto nel 2016.

Giusto?

Sebbene molte persone semplicemente ripensino all’anno passato e diano una stima approssimativa di ció che pensano di aver fatto,  sappiate che questo non è sufficiente.

Gli organizzatori di eventi di maggior successo usano una strategia per valutare le loro prestazioni dell’anno passato e questo dà loro un vantaggio notevole rispetto alla concorrenza.

Ecco come fanno.

 

Tutto inizia con la misurazione

Se desiderate valutare veramente le prestazioni, dovete prima misurarle. In particolare, è necessario sapere con precisione quanto bene sia andato ciascun evento nel 2016.

Avete misurato le statistiche cruciali che vi permetteranno di analizzare le prestazioni e i meriti di ciascun evento? Speriamo di si, perché sebbene i numeri possano essere una noia da studiare, sono l’ingrediente più importante del processo di valutazione.

 

Cosa ha detto il vostro pubblico?

Come organizzatori di eventi, la soddisfazione dei vostri clienti è un fattore critico di cui prendere nota. Rappresenta una statistica chiave che vi dirà se un evento è stato di loro gradimento – e se torneranno per gli eventi futuri.

Questa informazione viene facilmente raccolta dai sondaggi degli eventi. Si consiglia di porre domande dettagliate su tutte le sezioni di un evento – in modo da poter facilmente determinare che cosa ha funzionato e cosa no.

E se ancora chiedete alle persone solo le loro opinioni al termine di un evento, potrebbe essere il momento di ripensarci. Noi consigliamo di chiedere un feedback lungo il percorso: in questo modo, i ricordi di ogni relatore e delle attività svolte saranno ancora freschi nella mente dei partecipanti, che potranno cosí fornire informazioni accurate, sulle quali potrete fare affidamento.

Vorreste trovare un modo semplice per fare tutto questo? Noi consigliamo la tecnologia (che non solo vi darà una mano ma anche un netto vantaggio rispetto ai vostri concorrenti più “tradizionalisti “).

 

Qual è stato il ritorno sull’investimento (ROI)?

In altre parole, un evento ha generato profitto o raggiunto gli obiettivi sperati? Sappiamo che quando si tratta di ROI, c’è più di un modo per misurare il successo di un evento.

Per gli eventi orientati alla vendita, questo è semplice. Se le entrate sono state superiori al costo, congratulazioni, si è trattato di un evento di successo.

Per gli eventi che si concentrano sul branding o sul lancio di un prodotto (invece di vendita diretta), si dovrebbe considerare il valore generato dal vostro evento in termini di pubblicità, valore di marketing e vendite indirette. Ancora una volta, se questo numero è superiore alla vostra spesa, si tratta di un evento con un ROI positivo.

Se questi numeri sono negativi, vorrete certamente cambiare le cose e puntare ad un ROI positivo.

Ottenere un ritorno sugli investimenti per ogni evento organizzato, non deve semplicemente essere visto come un bel risultato, ma come un must assoluto!

 

Altri fattori da considerare

Sebbene l’esperienza dei partecipanti e il ROI dovrebbero essere in cima alla vostra lista di fattori da considerare, ci sono altri punti di cui si dovrebbe prendere atto, come ad esempio:

  • Di quanto è aumentata la qualità dei vostri eventi in confronto agli eventi dell’anno precedente?

  • L’evento di marketing ha ottenuto successo? (E come si può migliorare quest’anno?)

  • L’evento ha fatto crescere la vostra azienda? Ha garantito un aumento del vostro business?

  • Siete riusciti a soddisfarei vostri obiettivi professionali?

  • Quali clienti e/o mercati avete servito meglio nel 2016?

Invece di limitarvi a leggere questa lista e a rispondere nella vostra testa, vi consigliamo di tirare fuori un foglio di carta (o aprire un documento Word) e scrivere le risposte il più dettagliatamente possibile.

Rimarrete sorpresi da quanta chiarezza si può guadagnare da questo semplice esercizio.

Iniziate misurare e analizzare le prestazioni ora, il vostro 2017 dipende da questo!